Miniguida per risolvere i problemi più comuni di WordPress


Ci capita spesso di avere a che fare con siti in WordPress che improvvisamente hanno “problemi”, che l’utente non-tecnico non riesce a capire né risolvere.

Sono problemi al backend, ma anche al frontend, quindi tutta una serie di complicazioni al pannello di controllo che di punto in bianco rendono impossibile aggiungere / caricare un’immagine, oppure non si riesce più a passare dal tab Visuale a quello di Testo…. eppure andava tutto bene fino a poco fa!

WordPress in sé ha difficilmente problemi “evidenti”, quelli che si scovano sono solitamente in fase di sviluppo di temi e plugin avanzati e non è quindi nel “core” di WP solitamente la causa.
Può però succedere che durante un aggiornamento, qualche cosa vada storto, vuoi perchè durante lo scaricamento e spacchettamento dell’update qualche file si è perso per strada, vuoi perchè qualche plugin o il template stesso, non è più compatibile con la nuova versione.

A proposito di plugin: una lista di plugin utili per WordPress, la puoi trovare qui!

Media Temple Hosting

A volte, i problemi possono anche derivare da un server non adatto a WordPress, specialmente in presenza di un tema o plugin “pesanti” (che richiedono più risorse di quello che un server a pochi € al mese può dare).
Infatti, può succedere di vedere errori legati al PHP (memory limit), che niente hanno a che vedere con il sito in sé, ma piuttosto con il server poco performante, oppure una gestione caotica del sito (nessun sistema di caching, plugin da aggiornare o attivi ma inutilizzati…).

[box color=green]Per non doversi più preoccupare di problemi WordPress legati al server (hosting), consiglio Mediatemple.
Per gli utenti che vogliono avere tutto pronto e subito (installazione WP automatica), consiglio il piano WordPress Personal, mentre per chi preferisce gestirsi da solo l’installazione di WP, il piano GRID.
[/box]

In caso di problemi dopo un aggiornamento di WordPress, è consigliabile chiedere ad un esperto WordPress di occuparsi del problema, dopo aver spiegato accuratamente la situazione ed aver richiesto un preventivo, poichè è necessaria un’analisi approfondita di tutto ciò che è attivo nel sito, per poi identificare la causa del problema (un’incompatibilità di codice, una libreria javascript obsoleta oppure un conflitto tra librerie, una funzione deprecata.. ecc), e riuscire quindi a sostituire o ricreare la parte “malata”.
L’utente non esperto può comunque provare a circoscrivere il problema andando a disattivare uno ad uno tutti i plugin, testando la pagina malfunzionante ad ogni disattivazione.
In questo modo potrebbe riuscire ad identificare ad esempio un plugin non più compatibile che dà problemi a tutto il resto.

Nel caso però che anche dopo aver disattivato tutti i plugin, il problema persiste, l’ultima verifica possibile per il nostro sfortunato utente, è quella di attivare il tema standard di WordPress (TwentyTwelve è quello di default più recente).

Attenzione però! La disattivazione del tema attuale, può comportare la perdita di dati quali impostazioni custom del template, Widget impostati e loro contenuto e perdita temporanea di eventuali elementi nel menu insieme a tutti i custom post attivi.
Post (gli Articoli, Pagine standard e Media caricati invece non saranno persi.

Per questo motivo, quando andiamo ad operare su un sito che presenta problemi non immediatamente identificabili, montiamo un suo clone su un nostro server, in modo da non intaccare niente del sito attuale, in modo da poter lavorare liberamente fino a che non abbiamo individuato e risolto il problema, per poi portare le correzioni sul sito effettivo.

Se il sito adesso funziona, il problema risiede nel template, se invece il problema non è ancora stato risolto, è possibile che sia necessaria una nuova installazione di tutto il CMS.
A questo punto forse vi starete chiedendo del perché un tema possa influenzare il funzionamento dell’intero sito, o addirittura solo del pannello di amministrazione.
Al contrario di quello che si potrebbe comunemente pensare, i temi di WordPress non sono “solo” grafica e html.
A seconda della qualità, delle funzionalità interne, della complessità di un tema, questi possono rappresentare letteralmente una piattaforma nella piattaforma, ed essere quindi complesse strutture fatte anche di PHP, Javascript, chiamate al database e ogni tipo di codice personalizzato per certi scopi.
E’ anche evidente che non tutti i temi siano costruiti in questo modo, alcuni sono realmente semplici ed è pressoché impossibile che possano causare problemi al sito.

Se invece non sembrano esserci problemi “tecnici”, ma le pagine sembrano comunque caricarsi lentamente o sono male indicizzate sui motori, potreste aver bisogno di qualche consiglio su come ottimizzare la performance e il SEO del vostro sito WordPress.

Se il problema inizia a presentarsi, che sia nel frontend che nel backend, ad esempio dopo l’installazione di un plugin, è molto probabile che la causa sia proprio quello.
Per verificare è quindi buona norma disattivare il plugin in questione e verificare che il sito funzioni nuovamente, magari svuotando prima anche la cache del proprio browser.
Se il sito funziona normalmente dopo aver disattivato il plugin, le possibilità sono quindi due: trovare un plugin simile oppure chiedere al buon esperto di WordPress di andare ad operare direttamente nel codice del plugin e renderlo compatibile.

Sembrerà strano, ma non tutti i plugin sono sempre compatibili!
Alcuni sono magari stati sviluppati per versioni precedenti di WordPress e poi non più testati con quelle nuove, ed è quindi possibile che all’improvviso non funzionino più (WordPress non avverte di questa possibilità semplicemente perché non può testare ogni scenario ed ogni plugin individualmente).

Non consigliamo a nessuno che non abbia conoscenze di PHP e/o Javascript, di andare a modificare manualmente i plugin (tantomeno dall’editor di WordPress!!!), perché in quel caso i problemi potrebbero diventare tali da impedire completamente o l’accesso al pannello oppure dell’intero sito, sia per l’amministratore che per i visitatori.

Se non riuscite a capire e risolvere il problema da soli, non esitate a contattare un esperto WordPress, saprà sistemare il tutto senza creare disagi né a voi, né ai vostri utenti :)

Jany Martelli

Sono Consulente Digitale, Front-End Developer e WordPress Specialist.
Aiuto aziende, professionisti e startup a crescere con la tecnologia ed una digital strategy vincente, creando e coordinando team di designer & sviluppatori, pianificando progetti e strategie, sviluppando soluzioni complesse.

Centro Preferenze Prviacy

Sessione

Chiamato anche cookie temporaneo, un cookie che viene cancellato quando l'utente chiude il browser Web.

Il cookie di sessione è memorizzato nella memoria temporanea e non viene mantenuto dopo la chiusura del browser.

I cookie di sessione non raccolgono informazioni dal computer dell'utente. Solitamente vengono utilizzati per tenere traccia temporaneamente delle preferenze degli utenti (ad esempio valuta, lingua, elementi che vengono inseriti nel carrello - nel caso di un sito di e-commerce, che questo sito Web non è) in tutto il sito.

Altre volte vengono utilizzati per assicurarsi che l'utente non sia un bot dannoso che tenta di rimuovere un sito Web, quindi il cookie non può essere disattivato per motivi di sicurezza.

Di solito sono innocui (o dovrebbero esserlo!) e andranno via quando lascerete il sito web o chiuderete il browser.

PHPSESSID,gdpr[allowed_cookies],gdpr[consent_types],uvc,__cfduid,_gh_sess,PREF
uvc,__cfduid
_gh_sess
use_hitbox,YSC

Analisi & Preferenze sito

Cookie persistenti.

Chiamato anche cookie permanente, o cookie memorizzato, un cookie che viene memorizzato sul disco rigido dell'utente, fino alla sua scadenza (i cookie persistenti sono impostati con date di scadenza) o finché l'utente non cancella il cookie.

Questi cookie hanno lo scopo di profilare i visitatori del sito Web e consentire agli amministratori di sapere chi visita il loro sito web.

Il tuo nome NON è tracciato, ma il tuo IP, il Paese, il browser e le specifiche del dispositivo, i termini di ricerca e altro ancora sono di solito.

Aiuta gli amministratori a capire quali sono i contenuti che i loro utenti preferiscono e chi è il loro pubblico, al fine di fornire contenuti migliori e più mirati.

Altri cookie hanno le stesse funzioni di quelli di sessione: ad esempio, aiutano semplicemente il browser a ricordare se la tua connessione Internet è abbastanza veloce per riprodurre video di alta qualità la prossima volta o quale lingua hai scelto per i tuoi sottotitoli.

Alcuni di questi potrebbero essere relativamente pericolosi, dal momento che dovevano innanzitutto aiutare gli amministratori a gestire il pubblico e il contenuto del loro sito, tuttavia potrebbero anche essere utilizzati, per essere raccolti e venduti a terzi.

Puoi controllare una spiegazione completa di alcuni dei più comuni qui .

_ga,_gat,_gid,PREF,VISITOR_INFO1_LIVE,GPS
PREF,VISITOR_INFO1_LIVE,GPS

Pubblicità

Cookie persistenti.

Chiamati anche cookie permanenti, o cookie memorizzati, un cookie che viene memorizzato sul disco rigido dell'utente, fino alla sua scadenza (i cookie persistenti sono impostati con date di scadenza) o finché l'utente non cancella il cookie.

Questi cookie hanno lo scopo di raccogliere le tue preferenze di navigazione (le tue ricerche, i siti web che visiti, le cose che ti piacciono o che non ti piacciono, situazioni personali e le cose che potresti non volere che una terza parte sappia o che non sia venduta a qualcun altro).

Una grande maggioranza di siti Web, motori di ricerca, app e social network, inserirà questi cookie nel tuo browser, in modo da mostrarti annunci pubblicitari e ricavarne quindi profitto.

Questo non è intrinsecamente negativo, tuttavia alcuni potrebbero usare questi cookie, oltre che per mostrarti annunci più pertinenti ai tuoi interessi, anche per raccogliere dati che saranno poi venduti in modi che potrebbero danneggiare la società.

Questo sito mostra gli annunci di Google, quindi inserisce i suoi cookie nel tuo browser (mi dispiace!).

Se non desideri essere monitorato da Google ed i suoi partner, modifica le tue impostazioni sulla privacy qui .

In alcuni casi, questo sito mostra anche Facebook Ads, quindi se non desideri essere monitorato da Facebook, ti preghiamo di visitare qui per modificare le tue impostazioni.

Se non vuoi essere monitorato da nessuno, su questo sito, ricordati infine, di disabilitare anche il consenso di questi cookie.

Non permettendo che i cookie pubblicitari vengano inseriti nel tuo browser, NON vuol dire che non vedrai più pubblicità online, ma semplicemente non saranno più pertinenti ai tuoi interessi.

Su Chrome, fai clic su qui per bloccare tutti i cookie di terze parti (in questo modo però alcuni siti potrebbero non funzionare, perché vengono bloccati anche alcuni cookie necessari).

Se desideri avere un controllo ancora maggiore su quali terze parti possono raccogliere i tuoi dati (anche al di fuori di questo sito Web), visita questo sito web .

fr,DSID,IDE,uuid
fr
DSID,IDE
IDE
uuid